MilanoX

News & Eventi Eretici

Tweet storm

Loading...

Leftism

Storia (Nostra) a Rischio Vandali

by Stefo Mansi | martedì 12 gennaio 2016

Nella Milano Antifascista, Anti Razzista, Anti qualsiasi cosa purchè sia Anti (spesso solo con la lingua) per la quarta (quinta?) volta in meno di tre anni ladri, ignoti, vandali, sono penetrati all’Istituto per la Resistenza (www.resistenza.org) di via Anemoni 6, dentro un maxi complesso scolastico in zona 6.  Non sapremo mai chi è stato ad entrare (pochi, per fortuna i danni) visto che delle oltre 1200 telecamere di cui è responsabile il ComunediMilanoMedagliad’OrodellaResistenza nemmeno una è davanti alla scuola che ospita l’istituto, a 200 metri dalla MM Primaticcio. Le stanze dell’archivio comprendono la più entusuasmante e ricca collezione di documenti storici sulla resistenza, soprattutto di Milano e provincia oltre che delle formazioni militari attive nelle prealpi di Varese e nell’Oltrepo Pavese. Fotografie, mappe, schede e storie dei tantissimi che hanno tenuto la schiena dritta in anni in cui il servilismo e la paura dominavano la nostra città. Esempi veri, lontani anni luce da tutti gli stereotipi trasmessi in quegli anni, anche dall’antifascismo ‘burocratico’. Emergono tra quelle pagine ingiallite le perquisizioni dei Carabinieri a Sesto dopo gli scioperi di Marzo, le lettere delle madri alle autorità per chiedere dove avessero portato i loro figli appena ventenni, l’immagine di una Milano chiusa nei paltò e sgambettante, che il 25 aprile corre a lavoro, come al solito, incurante della giornata che stava nascendo. Un tesoro ‘vero’ che meriterebbe almeno tre lampioni, anche questi negati a chi con sacrificio e senza pubblicità tiene viva la memoria e i suoi documenti. Invitiamo tutti i lettori e i simpatizzanti di MilanoX ad andare all’Istituto e aiutare i suoi (purtroppo anziani) volontari anche solo con la presenza e una parola di incoraggiamento. La lotta al dispotismo e per la libertà si fa lontana dai riflettori e con le maniche alzate. Magari con uno scanner per salvare, almeno in parte, dalla distruzione migliaia di fonti testimoniali dirette.