MilanoX

News & Eventi Eretici

Tweet storm

Loading...

Smogville

SCUOLE E ASILI COMUNALI DA INCUBO: PETIZIONE DA FIRMARE

by Stefo Mansi (r.l.s. Comune di Milano) | sabato 21 dicembre 2019

Forse giornaloni e politici si accontentano di un assessore in più, mentre ettolitri di acqua si stanno riversando anche questa sera dentro a oltre 50 scuole, laboratori, asili e palestre del Comune di Milano. C’è anche chi esulta sui social, quasi che bastasse una persona a meno di 14 mesi effettivi da fine mandato a far dimenticare anni e anni trascorsi senza vedere manutenzioni sui tetti e dei bagni, nei giardini e nelle aule, mentre tonnellate di foglie si accumulavano nei pluviali, centinaia di mail inviate da direttrici e dirigenti scolastiche rimanevano lettera morta, così come lettere, post, fotografie e segnalazioni inoltrate da mamme, delegati sindacali e dalle educatrici. Non si ferma la campagna per chiedere investimenti seri (almeno 50 mln di euro annui per i prossimi 6 anni) per la manutenzione degli edifici scolastici comunali, rilanciata in queste ore con una petizione on line che vi invitiamo caldamente a firmare su https://www.change.org/p/comune-di-milano-manutenzione-scuole-comune-di-milano .

Non è certo la sostituzione dell’architetto/assessora Galimberti, ex responsabile dell’edilizia scolastica nel Governo Renzi, che potrà farla cessare. Anzi, i tempi di gestazione di un appalto sono superiori ai 2 anni: nella migliore delle ipotesi i lavori di qualcuna delle strutture disastrate partiranno non prima del 2021. Sempre che al nutrito elenco che trovate in fondo alla pagina non si aggiungano altre ‘criticità’, come vengono chiamate nel fantozziano linguafìggio della pletora degli uffici stampa comunali che in questi anni hanno ‘dimenticato’ il problemone. Nella giornata di oggi, infatti, è giunta notizia della chiusura della palestra dell’Istituto Manzoni di via Deledda, l’ennesimo di una lunga serie, aggiornata di giorno in giorno, che potete chiedere a milanoxer@gmail.com.

Il danno non è limitato solo a bimbi e genitori, ma esteso a tutto il territorio. Non si contano più infatti, corsi sportivi interrotti, associazioni a cui il Comune ha concesso gli spazi scolastici che a spese proprie aggiustano finestre e pannelli, cercando di limitare i danni di un disastro annunciato da anni, aggravato enormemente dalle forti precipitazioni degli ultimi due mesi (18 giorni di pioggia incessante). ‘Il prossimo passo’, ci spiega Sara, che ha lanciato la petizione on line, ‘sarà quello della costruzione di un dossier di foto e segnalazioni da consegnare al neoassessore a cui vanno tutti i nostri migliori in c..o alla balena’. Ecco il menù….Buon Appetito!

La scuola di via Anemoni ha subito forti infiltrazioni dal tetto, è stata parzialmente chiusa, e i lavoratori segnalano numerosi disagi sia per i lavoratori che per le famiglie dei bimbi.

L’istituto scolastico Pertini di via delle Asturie (Municipio 9) è inagibile e allagato in diversi locali.

La scuola di via Borsi, nonostante sia stata oggetti di recenti lavori di ristrutturazione, ha subito forti infiltrazioni.

La sede dell’Urbanistica e degli Uffici Tecnici di via Bernina 12 ha gli archivi delle pratiche Scia, Cila, Permessi di Costruire, allagati con i rischi per i colleghi che utilizzano gli archivi e il blocco delle attività di ricerca delle pratiche per i professionisti e i cittadini.

La palestra della scuola elementare di via Confalonieri (Isola) è allagata e vi è un vetro rotto in palestra.

La sede degli appalti di via Censio è da giorni priva di riscaldamento.

La scuola materna di via Cesari (Niguarda) ha subito forti infiltrazioni di acqua dal tetto.

La scuola dell’infanzia di via Cesalpino (zona Crescenzago) ha subito diverse infiltrazioni che hanno costretto le maestre a svolger

La sede del Municipio 9, palazzo Hanau a Dergano, ha subito delle estese infiltrazioni negli archivi del piano seminterrato che risultano allagati, i locali e gli uffici sono umidi e nella giornata di oggi in alcune stanze non si raggiungevano i 19 gradi visto che il riscaldamento era spento. In un ufficio i serramenti difettosi lasciano penetrare aria e acqua dall’esterno e diversi lavoratori sono dovuti ricorrere a diversi giorni di malattia per bronchiti.

La scuola dell’infanzia di via Don Gnocchi (San Siro) ha subito infiltrazioni dal tetto mentre nella stessa via la scuola primaria Don Gnocchi ha da mesi una scala inagibile viste le infiltrazioni che penetrano dal tetto e decine di bambini ospitati dalle classi al secondo piano dell’immobile sono costretti a utilizzare una unica rampa di scale con problemi relativi alla sicurezza e alle vie di fuga.

La scuola di via Fortis è stata chiusa visto il numero delle aule allagate.

Le aule della scuola di via Giustizia (zona Cassina de Pomm) nonostante la presenza di bimbi autistici, e le numerose segnalazioni inviate negli scorsi anni, anche di persona ai dirigenti responsabili dei servizi all’Infanzia, non hanno ancora le porte, con gravi disagi da parte dei bimbi e un aumento dei rischi relativi alla sorveglianza segnalate dalle lavoratrici. La mail da me inviata nella seconda metà di ottobre 2019 in qualità di RLS per una richiesta di sopralluogo congiunto alla direttrice D. P. è rimasta senza risposta.

La scuola di via Gherardini è stata allagata, il refettorio chiuso e alcune aule inagibili.

 

Il Nido di via Liscate (Gorla) ha il giardino parzialmente inagibile con varie piastrelle fuori posto e potenzialmente pericolose per i bambini. Il tetto subisce periodiche infiltrazioni.

Il 4° piano di via Larga, la più grande e centrale sede del Comune di Milano, già oggetto di innumerevoli segnalazioni da parte degli RLS relative alla sicurezza degli ambienti, alla mancanza di un piano antincendi, alla non completa idoneità degli impianti elettrici, sulla stabilità delle scale e dei pianerottoli, sulla agibilità e staticità del 4° piano, è allagato in più punti e tali criticità sommate alle chiusure di alcuni corridoi dovute ai concomitanti lavori in corso rendono insicuri diversi ambienti del palazzo.

La scuola di via Muzio ha parte del refettorio inagibile e i bimbi sono costretti a pranzare a turni sino le ore 14.30 per delle macerie abbandonate dalla ditta che ha realizzato dei lavori di manutenzione.

La scuola elementare di via Martinetti (via Novara) ha subito forti infiltrazioni dal tetto. Tutto il 3° piano è inagibile e  chiuso agli studenti che si sono dovuti trasferire nei piani sottostanti con pesanti conseguenze per la didattica. Le infiltrazioni giungono da due parti, la prima per una occlusione dei pluviali del tetto. La seconda per un problema di difficile individuazione. Il sopralluogo dell’Ing. Fiume (rspp?) ha evidenziato problemi tanto vasti da consigliare la chiusura della scuola.

Il Nido di via Litta Modigliani (Comasina) subisce forti infiltrazioni nelle aule.

La primaria Martin Luther King del Q.T.8., un monumento progettato nel 1951 dall’architetto comunale Arrighetti nell’ambito della creazione del quartiere della Ottava Triennale del Maestro Piero Bottoni e vincolato dalla soprintendenza per i suoi valori culturali nel 2019, ha subito forti infiltrazioni sia nel refettorio che all’ingresso, i bimbi sono costretti a mangiare in classe dal 22 ottobre. Il giardino che dà sul Parco del Monte Stella è trascurato con alberi dalla stabilità precaria.

Alla Media Negri, Pl.e Axum San Siro, inaugurata soli 4 anni fa, manca un giunto tra i diversi corpi di fabbrica della scuola con forti infiltrazioni d’acqua ad ogni temporale. I laboratori del primo piano sono inagibili, diversi pannelli del controsoffitto sono mancanti e l’acqua gocciola sino al piano terra, sala professori compresa. Il riscaldamento è non funzionante in diverse aule.

La struttura comunale di via Osimo (Corvetto) che ospita sia un Nido che una scuola dell’Infanzia ha subito infiltrazioni d’acqua nel corso degli ultimi giorni.

Il nido di infanzia di via Pianell (Bicocca) ha lo scaldabagno non funzionante e le educatrici segnalano che i bimbi vengono lavati con acqua fredda. Le taparelle di alcune finestre sono rotte.

In via Parenzo (Barona), scuola dell’infanzia e Nido posto in prossimità di p.le Negrelli, gli allagamenti hanno provocato la chiusura di diverse aule, con muri e suppellettili fradici di umidità.

La sede dei servizi sociali di via S. Erlembardo (1° piano) è in condizioni di insicurezza, con un ascensore non idoneo e una situazione dell’edificio non consona ad ospitare gli incontri delle persone in difficoltà che si rivolgono ai servizi..

La scuola di via S.Abbondio ha diversi dei controsoffitti mancanti ed ha subito forti infiltrazioni d’accqua dal tetto.

La scuola di via S. Paolino è allagata in vari punti e nella giornata di oggi 22 ottobre si è verificato un crollo di un pannello del controsoffitto in un’aula. La mail inviata in qualità di RLS alla direttrice, G., per un sopralluogo congiunto, è rimasta senza risposta

Gli archivi della Biblioteca Centrale al Palazzo Sormani sono saturi e insicuri. Il volume di carta accatastato negli stessi non è conforme alle prescrizioni di legge sulle normative anticendio. (quintali carta/mq). In alcuni ambienti dell’archivio sono avvenuti crolli di calcinacci e diversi lavoratori sono preoccupati per la loro incolumità.

La materna Paravia 3 nel quartiere popolare di San Siro, è chiusa per le infiltrazioni. Le classi sono state divise tra viale delle Forze Armate e via Dolci, rendendo impossibile per molte mamme prive di mezzi di portare i propri bimbi nelle strutture comunali.

Particolarmente grave la situazione della Direzione Urbanistica e dgeli uffici tecnici che sconta problemi in tutte le sue sedi sia quelle in affitto (Bernina 12 Farini) che di proprietà (Pirelli30 Gioia, Container, e Serra, Cenisio) Gli archivi del palazzo di via Bernina, che al primo piano ha quantità di carta pericolose, si sono allagati per la seconda volta in due anni. Molte pratiche sono bagnate, i muri e gli ambienti ricchi di muffe e umidità. Gli uffici di via Pirelli, mai oggetto di disinfestazione, sono interessati dalla presenza di scarafaggi e condizioni microclimatiche non idonee a ospitare uffici pubblici (aria condizionata accesa anche in mesi non estivi). Vergognoso lo stato degli archivi del PGT ospitati in 3 container esterni al parcheggio di via Cenisio, e quelle della serra in cui hanno trovato spazio i colleghi che si occupano del PGT: le vetrate obbligano i colleghi a vivere perennemente con aria condizionata e ventilatori accesi mentre di inverno il freddo è pungente.

Particolarmente grave, anche sotto il porflo dell’igiene e del pericolo di contrarre la Leptospirosi, la situazione dell’asilo di via Sebastiano Satta a Quarto Oggiaro. Pannelli del controsoffitto mancanti in più parti dell’edificio, vetri rotti nelle classifrequentate da bambini dai 3 ai 5 anni, escrementi di topi in vari ambienti della scuola. Non solo le segnalazioni delle lavoratrici sono rimaste inascoltate, ma le stesse hanno anche subito la minaccia di provvedimento disciplinare dalla direttrice.

L’Istituto Scolastico Sorelle Agazzi ha diversi spazi inagibili e allagati

Alla scuola d’infanzia di via Watt  (s. Rita) e in altri plessi scolastici la presenza di una unica commessa, specie nei turni mattutini 7.30-12.30, crea problemi di sicurezza, vista l’impossibilità della stessa di gestire sorveglianza della porta, riordino, gestione del telefono nei casi in cui la segretaria è assente, entrate e uscite. In più di una occasione la porta è rimasta incustodita.

Il tetto degli uffici dei servizi sociali di p.zza XXV aprile è sconnesso, i colleghi segnalano infiltrazioni e umidità nei locali sottostanti.