MilanoX

News & Eventi Eretici

Tweet storm

Loading...

Comix

Robert Crumb: il Patriarca del Fumetto Underground

| domenica 27 gennaio 2013

Sin dagli esordi su Zap Comix nei folgoranti Sixties, la nevrotica vena psicorealista di Robert Crumb ha fatto scuola e quarant’anni dopo siamo ancora qui ad osannarlo. Doveva essere un impiegato represso, jewish-american sgraziato imprigionato in relazioni coniugali soffocanti, e invece finì per diventare un idolo dell’underground americano e far più sesso di quanto avesse mai immaginato (e sperato).

Nel frattempo, ha fatto la bibbia in formato comics senza censure, si è sposato con una di quelle donne imponenti coi polpacci grossi che erano la sua fantasia proibita (anche lei fumettista, hanno appena fatto insieme un albo a quattro mani) e vive nel sud della Francia, schifato dalla cultura contemporanea. La sua passione perenne sono i dischi del delta blues degli anni ’30 e ’40 (Robert Johnson su tutti), di cui ha fatto delle bellissime baseball cards che li ritrae tutti e dona loro una celebrità che in vita non ebbero mai. Cultissimo il film su di lui e la sua allucinante famiglia (ha un fratello che è anni che non esce di casa e un altro che è una sorta di fachiro), per l’appunto CRUMB (1994), girato da Terry Zwigoff.

Se non conoscete l’arte che sta dietro Mr Natural, Fritz the Cat, la vite di Philip Dick e di Kafka a fumetti, le polpette che piovono dal cielo e tutta la fottuta weirdness disegnata da Robert Crumb, non avete ancora avuto un’esperienza estetica degna di questo nome.