MilanoX

News & Eventi Eretici

Tweet storm

Loading...

Live & Loud

Live & Loud (064)

| mercoledì 28 maggio 2014

television_static

Come si dice… accendi la televisione, accendi il cervello. E accendi pure i timpani, perchè questa settimana mozzicata dal ponte è più televisiva che mai. E quando non si guarda la televisione, si passa a chi il divin elettrodomestico lo ha omaggiato con il proprio nome quarant’anni fa, e ha fatto con iò un omaggio grande grande all’umanità tutta, perchè basterebbe anche solo un disco dei Television per capire che l’evoluzione esiste davvero. E quel disco è “IL” disco, ovviamente. Martedì 3 giugno i Television, riunitisi per l’eterno revival di una generazione che fu, arriveranno all’Alcatraz per eseguire “Marquee Moon” nella sua interezza. Basta e avanza per la settimana tutta, e per conquistare la felicità.
Ma prima c’è altro, nello specifico c’è un weekend lungo che dovrebbe spopolare i palchi come spopolerà la città, e invece, giacchè anche lì ci penseranno i soliti vecchi. Ma andiamo con ordine…

Domani sera ci si scalda al Lo-Fi, con il dark-punk neozelandese dei Die! Die! Die!. A seguire si riempie la notte con  Flying Lotus e i suoi discepoli a pompare i bassi dell’Alcatraz. I primi vecchietti arrivano venerdì sera, con i funk-rockers Fishbone al Bloom (Mezzago), per poi prendere una pausa energetica nella serata di sabato. Anche lì la scelta è unica. E violenta. Al Cox18 va in scena un trittico internazionale di mazzate nei denti, post-punk e grunge-core, con Voight Kamps, No Problem e soprattutto la genialità bizzarra e travolgente dei Condominium.

E con ciò arriviamo a domenica e torniamo a questa calata barbarica delle vecchie glorie del rock di vent’anni orsono, che qui trova la sua sublimazione, con una serata che mette in competizione a pochi km di distanza i Bad Religion al Live (Trezzo sull’Adda) e gli Slint di nuovo al Bloom (Mezzago). Con buona pace del synth-pop viaggioso dei Suuns al Magnolia (Segrate), e di chi pensa che sia finita qui… perchè invece accade che lunedì 2 arriva immancabile l’appuntamento celebrativo dei Motorpsycho, che a furia di sold-out nostalgici ad ogni passaggio milanese si sono finalmente guadagnati un palco più grande e stavolta sono pure loro al Live (Trezzo sull’Adda). Anche in questa occasione, l’alternativa è al Magnolia (Segrate) con lo il post-rock da parrucchiere dei Deafheaven.

E siamo di nuovo a martedì 3, al punto di partenza, a quei Television che non sono l’unica opzione della serata, benchè abbondantemente la più piacevole. Gli altri palchi sono quello del Carroponte (Sesto S.Giovanni), fresco di apertura e pronto al viaggio dissestato sulle strade del Sahara con il blues di Bombino, e quello di un iperattivo Magnolia (che è sempre a Segrate) in versione rock con il surfer Ty Segall e il grunge prealpino di His Electro Blue Voice.
Una sfilza di nomi che fa capire che è arrivata la stagione dei concerti estivi, e toccherà aprire i portafogli con più frequenza del solito.