MilanoX

News & Eventi Eretici

Tweet storm

Loading...

Leftism

L’editoriale del Naga – Eurodogmi

| domenica 1 giugno 2014

Editoriale del Naga, Associazione Volontaria di Assistenza Socio-Sanitaria e per i Diritti di Cittadini Stranieri, Rom e Sinti

 

naga logo

 

Eurodogmi

“Ora si è spezzato il dogma dell’austerity”. Il commento del sociologo tedesco Ulrick Beck sul dopo elezioni europee non è del tutto campato per aria. Persino i più ottusi sostenitori dei diktat lacrime e sangue della troika devono arrendersi all’ evidenza: quelle ricette hanno gonfiato nelle urne il ripudio dell’Unione, dando corpo al fantasma della disintegrazione e dei nazionalismi. Con la Francia alla Le Pen e la Gran Bretagna sempre più lontana, Angela Merkel l’austerity dovrà almeno ammorbidirla, se vuole avere qualche interlocutore. La carta più alta per convincerla – per quanto la cosa possa sembrarci incredibile o ridicola – l’ha in mano Matteo Renzi.

Sulle politiche migratorie, invece, lo scenario post-elezioni fa presagire solo due possibilità: che restino cattive come sono o che peggiorino. La presenza nel parlamento europeo delle forze che vorrebbero migliorarle resta esigua. L’Ukip di Nigel Farage,non avendo l’euro come feticcio da abbattere, è diventato il primo partito in Gran Bretagna indicando come nemico pubblico numero uno l’immigrazione di romeni e bulgari: se lavorano, fanno dumping; se non lavorano, si fanno mantenere dal welfare e a rimetterci sono sempre i lavoratori britannici. Per scalare la vetta del 25% Marine Le Pen ha dismesso nella comunicazione pubblica l’antisemitismo e l’islamofobia del padre. Ma l’ostilità verso gli immigrati – percepiti come minaccia sia sociale che culturale – resta talmente inscritta nella “tradizione” del Front national che non c’è neppure bisogno di nominarla. La “lezione” francese e britannica di certo gelerà qualsiasi apertura della fortezza Europa e qualsiasi utopia di “cittadinanza europea”. Su questi temi il massimo chepossiamo aspettarci dal “nostro” Renzi è che reciti meglio la parte di Alfano, chiedendo alla Ue una vera riforma del Regolamento di Dublino.
La redazione della Nagazzetta