MilanoX

News & Eventi Eretici

Tweet storm

Loading...

Leftism

l’Arci denuncia l’Italia all’UE su Richiedenti Asilo

| domenica 23 febbraio 2014

eriteriasilanti

by Arci Nazionale

Sulla gestione dei richie­denti asilo giunti in Ita­lia nei mesi scorsi, l’Arci ha inviato un lettera/denuncia alla Com­mis­sione Euro­pea, al mini­stero dell’Interno, alla Com­mis­sione nazio­nale per il diritto d’asilo, all’Unhcr e all’Anci. L’Arci denun­cia la vio­la­zione di due diret­tive euro­pee (sul rico­no­sci­mento dello sta­tus di rifu­giato e sull’accoglienza dei richie­denti asilo) e chie­sto un inter­vento urgente per met­ter fine a que­sta situa­zione di ingiustizia.

«Con la pre­sente l’associazione Arci, in qua­lità di ente di tutela di richie­denti e tito­lari di pro­te­zione inter­na­zio­nale, intende segna­lare la grave situa­zione in cui sono costretti nume­rosi richie­denti asilo giunti in Ita­lia nei mesi scorsi. L’arrivo e l’accoglienza dei richie­denti asilo e rifu­giati con­ti­nua ad essere gestita in maniera con­fusa, fram­men­tata ed emer­gen­ziale, pro­du­cendo ingiu­sti­zie, gravi vio­la­zioni dei diritti dei richie­denti asilo, spreco di risorse pub­bli­che e con­se­guenze nega­tive per la con­vi­venza nei ter­ri­tori dei comuni coin­volti. Il numero insuf­fi­ciente di com­mis­sioni per l’esame delle domande, la pro­lun­gata acco­glienza senza il rila­scio di un docu­mento, la man­canza di orien­ta­mento e infor­ma­zione nei con­fronti dei bene­fi­ciari sono tutti fat­tori che inci­dono nega­ti­va­mente nei per­corsi di tutela e inte­gra­zione che dovreb­bero esser avviati.

Il 14 feb­braio, 30 richie­denti asilo di nazio­na­lità eri­trea, bene­fi­ciari del pro­getto Sprar di Castel­lam­mare del Golfo – amplia­mento del pro­getto Sprar del comune di Tra­pani – hanno mani­fe­stato davanti la sede del com­mis­sa­riato per­ché ancora non sanno quando incon­tre­ranno la Com­mis­sione Ter­ri­to­riale per il rico­no­sci­mento dello sta­tus di rifu­giati com­pe­tente. Sono tutti arri­vati a Lam­pe­dusa a metà set­tem­bre e ancora non hanno un per­messo come richie­denti asilo.

Abbiamo rac­colto la denun­cia di que­ste per­sone attra­verso un por­ta­voce. Abbiamo tutti i nomi­na­tivi ed è stata pron­ta­mente man­data una richie­sta di chia­ri­menti e di date certe alla com­mis­sione ter­ri­to­riale di Tra­pani. Con la pre­sente chie­diamo di inter­ve­nire per impe­dire ulte­riori vio­la­zioni dei diritti dei richie­denti asilo e il pro­trarsi di con­flitti sui ter­ri­tori che sono gene­rati dall’assenza di una pro­gram­ma­zione ade­guata e di un indi­rizzo poli­tico chiaro e definito».