MilanoX

News & Eventi Eretici

Tweet storm

Loading...

Smogville

La Ragnatela di Expo – Grande Evento e Grande Spartizione

| martedì 8 aprile 2014

by Expopolis crew

C’è stato il terremoto giudiziario, e probabilmente non sarà l’ultimo. Ci sono le ipotesi della Procura, ci sono i discorsi sulla legalità e l’Expo buona possibile. C’è il mantra Expo deve andare avanti.
Per noi c’è evidente la ragnatela di Expo 2015, quell’intreccio di interessi politico-economico-sociali che fanno dell’Esposizione “un evento eccezionale da sfruttare”.

Lo spettacolo cui abbiamo assistito nei giorni successivi all’inchiesta che ha travolto Infrastrutture Lombarde ed Expo sarebbe stato quasi divertente, se il contesto non fosse invece penoso e drammatico: da un lato, i sostenitori a tutti i costi dell’Expo, i responsabili locali e nazionali che si sono prodigati a convincerci, o più semplicemente informarci, che “Expo si deve fare”. Punto. Anche in un contesto di violazione di norme e leggi, quelle votate da loro stessi, dove constatiamo che:

-dell’inchiesta non si è praticamente mai parlato, se non come di un ostacolo e un fastidioso ritardo; non si è quindi nemmeno cercato di approfondire che cosa questa inchiesta ci raccontasse, al di là del piano strettamente legale;
-la deroga del grande evento non è solo relativa ai poteri speciali del Commissario unico Giuseppe Sala, è Expo stessa che vive in una dimensione spazio-temporale che non ha nulla a che vedere con la nostr.

Dall’altro lato, l’opposizione “manettara” e giustizialista, che ha esultato di fronte agli arresti e non ha saputo far altro che raccontarci di un sistema corrotto e immorale, di una spartizione economico-politica soltanto illegale. La tesi che un Expo a norma di legge sarebbe un Expo buono. E tanti saluti alla questione sociale.

Abbiamo cercato di superare questa raffinata dialettica, proponendo un punto di vista differente e un riassunto della grande spartizione che il nostro grande evento preferito ha portato e porta con sé, al di là del suo lato illegale: attraverso l’infografica che vi proponiamo qui sopra, abbiamo cercato di ricostruire la grande ragnatela di Expo 2015, una parte dei suoi intrecci imprenditoriali, finanziari e politici, a livello regionale e nazionale. Un lavoro che non può e non vuole essere esaustivo, che parte da e prende in considerazione solo due degli appalti di Expo, i più importanti, ma che ben raccontano questo intreccio.

Per noi centrali restano due questioni: la forma privatistica del governo del territorio e la negazione del “Diritto alla Città”, due questioni che Expo racchiude e racconta bene. Una spartizione lecita e illecita, un’idea di polis, di città pubblica, ridisegnata secondo interessi particolari, privati, di potere, senza tenere conto delle emergenze sociali e delle esigenze reali di chi vive i territori attraversati da mega eventi e grandi opere. .

vermidirouge375_expocomix by Rouge