MilanoX

News & Eventi Eretici

Tweet storm

Loading...

Net Pet

La notizia è sempre la stessa

| martedì 1 ottobre 2013

generalspione

 

La Notizia è sempre la stessa. La NSA ci spia (e non vuole andare via).

by paranoico Dan

 

La Nsa, Agenzia di Sicurezza nazionale Statunitense recentemente al centro delle polemiche per le sue intercettazioni legali, legalizzate ed illegali, usa i Social network per costruire grafi delle attività dei cittadini, non di alcuni, ma di tutti. Americani e non.

Il paradigma della sorveglianza ha subito un cambiamento radicale negli scorsi anni, se prima per salvaguardare la sicurezza nazionale bastava monitorare i confini della patria, colla diffusione di Internet e delle reti sociali risulta più semplice, più estesa e più capillare la sorveglianza. Non è più necessario scovare, basta ascoltare. Sono le persone stesse a raccontare i fatti loro, abitudini, viaggi, e soprattutto relazioni. Quello che interessa alle entità che spiano, siano grandi fratelli come la NSA o piccoli fratelli come una società di marketing, sono i metadati. Il risultato della relazione. Il classico esempio di cosa sia un metadato è rappresentato dal catalogo di una biblioteca. Il quale non contiene i dati, ossia i libri, ma l’elenco degli stessi e la relazione tra loro. Il metadato catalogo contiene le relazioni tra i libri, dall’argomento all’autore fino alla collcazione. Nel nostro caso il dato è la conversazione telefonica, o email. Il metadato è l’insieme delle comunicazioni che una persona ha tenuto con altre persone: frequenza, modalità, durata. Il contenuto verrà analizzato dopo, solo in caso.

 

Il momento è drammatico. Internet rischia di diventare il più formidabile strumento di sorveglianza e controllo che sia mai esistito. Seguendo un destino che tristemente ha accomunato tutti i nuovi media.

Bruce Schneier, crittografo ed esperto di sicurezza di fama mondiale, è un’apprezzatissima ed autorevole voce che grida cosí, il 5 settembre, dalle pagine del The Guardian:


Ripigliamoci la rete.

Governo ed Industria hanno tradito Internet, e noi.
Sovvertendo Internet ad ogni livello e rendendola una piattaforma di sorveglianza vasta e multilivello, la Nsa ha scardinato un fondamentale contratto sociale. Le compagnie che costruiscono e gestiscono l’infrastruttura di rete, le compagnie che creano e ci vendono hardware e software, le compagnie che gestiscono i nostri dati: non possiamo più fidarci che aderiscano a uno standard etico.

Schneier auspica che la comunità di ingegneri (lavoratori della rete unitevi) si mobiliti e faccia due cose:

1. Denunci le violazioni. Abbiamo bisogno di whisleblowers che ci dicano cosa accade.
2. Implementi nuove e diffuse tecniche di crittografia. Bisogna far sì che lo spionaggio ridiventi costoso.

Ritorna dunque la crittografia, come capacità del singolo di proteggersi e della comunità di fornire strumenti utilizzabili.

boom

Elenco di seguito alcuni fondamentali strumenti di tutela della privacy in giro da anni. (la canzone è sempre la stessa, dicevano i Led Zeppelin)

 

Pgp: Pretty Good Privacy. Nella sua versione free, Gpg. Rimane lo strumento più potente e sicuro, probabilmente anche il meno facile da usare, dal 1991. Potrebbe valere la pena perderci una giornata di studio.

Otr: Off The Record. Plugin per crittografare la chat. Si usa con Pidgin o Adium, anche per protocollo Jabber, anche per Google chat, anche sul telefonino. facile da usare e da installare, ma bisogna essere in due a usarlo..

Tor: Anonimizzatore della navigazione in rete. Molto semplice da usare.

by Daniele Salvini


la canzone: La Cia, di Eugenio Finardi.