MilanoX

News & Eventi Eretici

Tweet storm

Loading...

Sub/Culture

Hai un IQ degno di una Smart

| venerdì 10 settembre 2010

Mi ricordo che mio padre per negarmi il motorino diceva: “Se vuoi ti compro un Ape o quelle macchinine che si possono guidare senza patente”. E io da adolescente sfigato: “Ma papà, quella è roba per contadini o pensionati”.

Come cambiano i tempi. Oggi le macchinine sono oggetti ambiti. Prima dai fighetti. Quindi da tutti gli altri. Ovviamente il mercato fu aperto dalla caffettiera con quattro ruote, l’orrenda Smart, giocattolo per ricchi, che all’inizio la Mercedes ha penato a vendere al costo di €10K la biposto progettata con la Swatch: all’inizio se la compravano solo i milanesi, perché gli altri non avevano problemi di spazio in città tali da giustificare una macchina che ti dava due posti ma ne costava come una da quattro.

Dieci anni, nuove miniminor e cinquecento dopo, la macchina gingillo è entrata nella testa dei giovani, che preferiscono spendere i loro miseri guadagni in un concentrato di lusso fittizio invece di pensare alla praticità (chennesò, una bella Dacia;)

Ciclista, pedone o automobilista coatto non potranno fare a meno di notare che dopo la rentrée le strade di Milano sono state letteralmente invase dalle nuove automobiline Toyota a tre(+1) posti, di solito in colore perla (e con guidatori di solito meno pirla di quelli delle Smart) che si chiamano IQ e sembrano le utilitarie dei Klingoniani.

La microcar giapponese costa anche lei 10.000 neuri nella testa, ma piace ai milanesi da impazzire. Forse bisognerebbe misurargli l’IQ. Come dice Stephen Jay Gould, l’IQ è una mismeasure of intelligence, però forse è un accurato indicatore di stupidità…