MilanoX

News & Eventi Eretici

Tweet storm

Loading...

LASEMANA

febbraio 24, 2018

Queercore (italian premiere) w/ Kilbourne

@ Macao Viale Molise 68, 20137 Milano

Il primo evento curato dal laboratorio etero-dissidente e trans-femminista di Macao, un’esperienza trasversale e non-binaria di queerizzazione delle pratiche e delle iniziative dello spazio. Il laboratorio si riunisce ogni martedì alle 19.

Homocore o Queercore è un movimento nato come una società segreta, un mondo di finzione, una farsa che è diventata reale, concepito una generazione prima di internet da un paio di ventenni frustrati che hanno reso punk una rivoluzione.

G.B. Jones: «I gay, le lesbiche, i bisessuali e le persone transgender vivevano al di fuori della legge. Non era tecnicamente illegale, ma il comportamento era ancora controllato in ogni modo. La rappresentanza di genere era ancora sorvegliata, non solo da vicini, amici, compagni di scuola, colleghi, ma anche dalla polizia. La gente veniva arrestata. I miei amici sono stati picchiati per strada.»

Bruce LaBruce: «A metà degli anni ’80 il problema della scena gay consisteva nel fatto che fosse completamente borghese e convenzionale. Gli atteggiamenti erano del tutto conformisti. Il mondo era diviso in termini di maschio e femmina e non ci sentivamo i benvenuti.»

⚧ Queercore: How to Punk a Revolution /// Documentary, dir. Yony Leyser (ENG, sub ITA) ITALIAN PREMIERE SCREENING

⚧ Kilbourne (DJ Set / USA)

more TBA

–––––––––––––––––––––––––––––––––––––

QUEERCORE: How to Punk a Revolution

Director: Yony Leyser
Producer: Nina Berfelde, Scott Crary, Thomas Janze
Cinematographer: Nina Berfelde, Danielle Mathias
Editor: Ilko Davidov
Music: Hyenaz
Running Time: 83
Language: English
Subtitles: Italiano
Country: Germany
Year: 2017

Diretto da Yony Leyser, Queercore: How to Punk a Revolution racconta la storia del movimento queercore/homocore, nato a metà degli anni ’80, dall’iniziativa di alcuni artisti che hanno spinto all’estremo l’identità queer, criticando l’assimilazione della scena gay al contesto eteronormato capitalista e declinando in chiave queer il movimento punk, spesso vittima di tendenze omofobiche.
Attraverso le testimonianze dei protagonisti della scena – Bruce LaBruce, G.B. Jones, Genesis Breyer P-Orridge, John Waters, Justin Vivian Bond, Lynn Breedlove, Silas Howard, Pansy Division, Penny Arcade, Kathleen Hanna, Kim Gordon, Deke Elash, Tom Jennings, Team Dresch e molti altri – Queercore parla di omofobia, gender, femminismo, AIDS, sessualità e arte a partire dalla prospettiva e dalle esperienze delle band, dei registi, degli scrittori e di tutti quegli outsider che hanno acquisito una prospettiva queer radicale e DIY.
Il film verrà proiettato in lingua originale inglese con sottotitoli in italiano (tradotti da Giacomo Stefanini).

––––––––––––––––––––––––––––––––––––––

KILBOURNE

“Quando avrò la fica, quanto ci vorrà perché qualcuno provi a usarla senza il mio permesso?” Sono le parole con cui Ashe KILBOURNE raccontava il suo nuovo stato di donna trans in “Haunted Media” della sua band grindcore/powerviolence Cicadas, scagliandosi contro un’oppressione interiorizzata e seriale. Nel suo nuovo percorso solista, Ashe usa il dancefloor come territorio in cui preparare l’assalto al patriarcato, producendo e miscelando bombe hardcore fatte di elementi gabber, hardstyle e ballroom, con l’urgenza vitale della cultura punk da cui proviene e una fondamentale vena pop.

https://soundcloud.com/kilbourne

––––––––––––––––––––––––––––––––––––––

MACAO viale Molise 68, Milano /// 5€

Come raggiungere Macao: https://goo.gl/maps/6XmygK3AqkG2
– passante ferroviario (S1, S2, S5, S6, S13): fermata Porta Vittoria
– bus: 90/91: fermata viale Molise o Porta Vittoria
– bus 66: fermata via Calvairate-viale Molise
– tram 12: fermata Viale Molise