MilanoX

News & Eventi Eretici

Tweet storm

Loading...

Smogville

Elezioni sindacali in Comune, Cgil pigliatutto

| martedì 10 marzo 2015

Pisapia carmenLe elezioni sindacali 2015 del Comune di Milano si sono appena concluse. E’ terminata da poche ore la conta delle schede nell’ente pubblico più numeroso del nord Italia coi suoi oltre 15 mila dipendenti. Potrebbero essere le ultime a riguardare il territorio comunale in attesa dell’allargamento della città metropolitana. Il calo dei votanti è stato netto, sono andati alle urne solo 8693 comunali (il 57% degli aventi diritto) ed ha colpito tutte le organizzazione sindacali. A far la parte del leone la Cgil con 3037 voti, 300 in meno del 2012 e 40 Rsu elette, seguita da Usb e Csa rispettivamente con 1304 e 1241 voti, (entrambe 17 rsu) quarta la Cisl con 970 schede valide e 13 rappresentanti, Uil 882 con 12 rsu, il Diccap con 728. Chiude la lista del Sial Cobas con 158 voti e 3 rappresentanti. La più votata è stata la bionda educatrice Patrizia Frisoli della Cgil, con 490 voti, mentre ottimi risultati hanno fatto registrare Carmelo Naselli (190), sempre della Cgil, e Vincenzo Lipira con 144 voti. Eletto anche Beppe Cortesi, esperto attivista di Lotta Comunista con 80 voti, oltre 200 le preferenze per Mauro Cobelli della polizia Locale, presente con ben 9 candidati su 13 nelle liste del sindacato tricolore. Per l’Unione sindacale di base che diventa il secondo sindacato del Comune di Milano, ottimo risultato per Gabriele Zolfo (227 voti) portavoce delle RSU appena scadute e candidato alle ultime elezioni comunali con Sinistra X Pisapia. Mentre si conferma Mariangela Saggese (154) e tra le educatrici la giovane Francesca Acerbi con 88 preferenze. La Acerbi aveva recentemente organizzato una partecipata assemblea delle educatrici, dove, al fine di spiegare alle maestre d’asilo gli effetti che Expo avrà sui conti del Comune e sulla città di Milano, era intervenuta l’apprezzata Elena, attivista dello Spazio Sociale Il Cantiere di Piazzale Lotto.  Nel CSA del segretario Tritto (fratello di uno delle decine di consulenti esterni della Giunta Pisapia, assessore alla Casa Daniela Benelli di Sel, Ermanno Tritto) buona affermazione per Gianni Zin (204 voti) Ferdinando Rombolà, sindacalista del CSA in via Pirelli da 36 anni con 140 voti, così come per la responsabile delle categorie protette Donatella Occheddu. La Uil, guidata dall’esperto ex Diccap Mimmo Palmieri, è riuscita a recuperare gran parte dei voti perduti negli ultimi anni. Vede l’affermazione dell’agente Masucci ex Cisl con 206 preferenze, di Fabrizio Caiazza, anche lui fuoriuscito dalla Cisl, con 83 voti, e di Alba Piccolo che ha raccolto ben 182 voti. Buono anche il risultato di Gianluca Maritato con 104 preferenze. Entra nelle rappresentanze unitarie un nuovo sindacalista, il giovane Gianluca Cangini (oltre 50 voti), con lo Slai Cobas che conferma Cusimano e l’inossidabile Roberto Firenze, esperto componente di Attitudine NoExpo. Cangini è insieme a Stefo Mansi (ex San Precario, 81 preferenze raccolte con la Cisl), l’unico tra gli attivisti del Comitato precari del Comune di Milano a diventare rappresentante sindacale, entrambi eletti anche coi voti delle decine di precari in servizio. I precari avevano candidato anche Guido Toso (22 preferenze raccolte, fuori di 9 voti) e assicurato con 15 scrutatori divisi in 11 sedi tra Cisl e Cobas il corretto svolgimento delle operazioni, in particolare nei seggi della Torre del Filarete, e al seggio di via Pini. Spetterà a loro ai tavoli di trattativa lasciare la parola ai precari, le cui graduatorie scadranno il prossimo 7 maggio, nella settimana di apertura di Expo. Piccoli davidi contro dei moloch Golia. Infatti di fronte avranno da convincere la ‘Trinità Arancio’, tutti fedelissimi del Sindaco Giuliano Pisapia: Chiara Bisconti (assessore del Personale, ex manager H.r. San pellegriino/Nestlè) il prof. Pollio Salimbeni (Direttore del Personale, A.n.p.i/S.e.l.) e Gianni Confalonieri (responsabile Expo, ex resp. regionale di S.e.l.).