MilanoX

News & Eventi Eretici

Tweet storm

Loading...

Milano XXX

Dimmi che faccia hai, ti dirò che mutandine indossi

| sabato 12 maggio 2012

In questi giorni dove il caldo aumenta, la pelle suda e l’aria diventa frizzante (quanta poesia per giustificare un video semizozzo) piace poter tornare un po’ bambini. Piace poter tornare colla mente a quei giorni in cui non c’erano problemi se d’un tratto in preda a curiosità e pulsioni sconosciute alzavamo le gonne alle nostre amichette. Era solo un gioco e ci si divertiva ad inventarne mille di giochi, solo per poter sbirciare le loro mutandine colorate e profumate.

Questo simpatico video dal titolo “rapporto facce mutandine” è dedicato a tutte le belle ragazze che in questo weekend saliranno le scale della torre galfa di macao in gonnella ed esporranno la loro biancheria intima per l’amore dell’arte e della cultura…
Dopo tutte quelle assemblee seduti in cerchio faccia a faccia il gioco delle associazioni è inevitabile; che biancheria, tanga, periziamo, pizzo indosserà mai la punkabbestia tatuata che sta’ parlando? e la signora con gli occhiali e i capelli argentati? sotto quella gonna di cotone cosa porterà? e la ragazzina con la faccia da segretaria che sta scrivendo al computer? Insomma chi è venuto a macao in questi giorni sa’ di cosa sto parlando…
E chi lo sa’ che Richard Kern, l’autore del video, non decida di venire alla torre per una nuova versione macaco del suo lavoro.
Per ora il fotografo americano, autore di una serie di pellicole oltraggiose realizzate negli anni ‘80 a New York, descrive così il suo lavoro:
“Nel 2004, ho cominciato a fare foto sotto la gonna di ogni modella che mi permetteva di sdraiarmi sul pavimento tra le sue gambe per 5 minuti. Dal 2007, iniziavo ogni set fotografico con una rapida foto  e video sotto la gonna. Molte modelle mi hanno detto che questa è stata la cosa più raccapricciante che hanno girato con me, anche se la maggior parte di loro sono completamente vestite durante questa parte delle riprese e nude per il resto del tempo. ”
Quindi un lavoro di ricerca e concetto importante che non potevamo non condividere con tutti/e voi!