MilanoX

News & Eventi Eretici

Tweet storm

Loading...

Sub/Culture

Il veleno nella voce

| mercoledì 12 gennaio 2011

Il veleno è nella coda, come per lo scorpione. Nella coda della settimana e già verso la fine del mese, chè la tradizione vuole che il risveglio musicale dalle feste sia lento.
Il veleno è dolcissimo come la voce di un folletto giapponese che ci delizia sin dal 1970, quel Damo Suzuki che, secondo le leggende, incontrò i Can fuori da un bar mentre cantava per le strade di Monaco, speranzoso di raccattare qualche moneta per la serata. Incantati dalla voce dell’eccentrico giapponese i maestri del kraut-rock lo invitarono ad esibirsi con loro la sera stessa in un concerto. Fu l’inizio di una nuova storia, per i Can e per il free-rock tutto. Nei successivi quarant’anni Damo è stato, in ordine sparso e geografia confusa, un cantante di successo, un cantante di strada, un venditore di assicurazioni porta a porta, un frequentatore dei peggiori bar di Tokyo… e una voce intorno a cui aggregare la créme degli improvvisatori di mezzo mondo in tour perenne. Il Damo Suzuki Network è ormai di casa anche a Milano, grazi agli instancabili sforzi del suo alleato locale Xabier Iriondo (e chi se non lui…). Mercoledì 19, sul palco del Tunnel, li accompagnano altri due reduci Afterhours (Manuel Agnelli ed Enrico Gabrielli) e il batterista Cristian Calcagnile.

Per arrivare fino al 19 ripartiamo da ora, con un weekend che si apre nuovamente con l’onnipresente Xabier, libero da Soundmetak per ritornare su più palchi: venerd’ 14, al Leoncavallo, è di scena con gli Uncode Duello, in una serata bella rumorosa che si completa con Fuzz Orchestra a Meteor. Le alternative stanno suppergiù nella verde Brianza: al Tambourine di Seregno con gli zappiani Crazy Crazy World of Mr. Rubik o al Bloom di Mezzago con un carico di electro, d’n’b e 8-bit: Ln Ripley, Arottenbit e Snipplers.

Sabato 15 è serata densa, su cui svetta un’abbinata da leccarsi i baffi. Al Cox18 arriva Mombu, il nuovo progetto hard-afro di Luca Mai (sax degli Zu) e Antonio Zitarelli (batteria dei Neo), il poco materiale che circola è già decisamente sexy, se poi ci si aggiunge che la serata è completata dal compositore/dj/improvvisatore romano 0kapi, il quadro è notevole. Ma c’è spazio anche per i vecchi rocker, con il combat-punk dei Rappresaglia al Ligera, e per gli amanti della new-thing, che a Milano possono contare solo sulla ciclofficina Unza!: di scena il sestetto Trancesiberiana.

Lunedì si apre la nuova settimana con le performance, a cavallo tra elettroacustica e computer music, di Enrico Malatesta e Lorenzo Senni al nuovo Brown Project Space (ore 18, via Eustachi 3). Martedì 18 c’è l’immancabile angolo del metal, ovviamente all’Alcatraz, con la coppia d’altri tempi Helloween e Stratovarius… e così si arriva al 19, giorno del concerto di Lilì Refrain al Leoncavallo, ma soprattutto della coda velenosa della settimana, della voce di Damo Suzuki.