MilanoX

News & Eventi Eretici

Tweet storm

Loading...

Cultur(A)

Cultur(A) – speciale Salone del Libro

| lunedì 19 maggio 2014

tumblr_inline_mi2x320UEe1qz4rgp

Diana Torres, Pornoterrorismo, Malatempora

“Esiste per caso fusione più bella di quella tra le parole ‘porno’ e ‘terrorismo’?”. Diana Torres è convinta di no, e che per superare l’ipocrisia e le umiliazioni che la società ci impone la soluzione è masturbarcisi su. L’invito è a riprenderci le nostre vagine, i nostri peni e i nostri ani, di cui si è impossessato il sistema senza chiederci il permesso. Fanculo alla norma, al conformismo, al controllo e alla censura. E fanculo anche al pacifismo, “possono mettersi i fiori nel culo”. Diana è incazzata, ha idee estreme, incontenibili e liberatorie come orgasmi, e ha scritto un manifesto rivoluzionario di dissidenza sessuale, dove spiega che il corpo può (e deve) essere luogo e strumento di sovversione, critica, reazione alla violenza della società. Perché è la società così com’è ad essere violenta, a impedirci di essere liberi e a farci vivere nel terrore: il pornoterrorismo non è che una risposta, alla sua base c’è l’autodifesa.
Autobiografiche, filosofiche, poetiche e politiche allo stesso tempo, le parole di questo libro penetrano la mente del lettore come un dildo. L’intento è fargli aprire gli occhi e, se possibile, anche il culo.

http://www.associazionegolena.com/e107_plugins/easyshop/easyshop.php?prod.42

Livia Satriano, Gli altri ottanta, Agenzia X

Questo è un libro che parla di musica fatta da non-musicisti. Quella gioventù che negli anni 80 sfanculò, come già prima fecero i punx, virtuosismi e tecnicismi per concentrarsi invece sul suono, sulla performance, sul messaggio. Livia Satriano, classe 1987, ha raccolto 14 preziose testimonianze di alcuni dei protagonisti della stagione post punk italiana. Tra queste spiccano l’ultima intervista al compianto Freak Antoni, frontman degli Skiantos, dalla quale traspare tutta la sua intelligenza, sensibilità e cultura. La chiacchiera “rosa” con Christina Moser, voce dei Krisma, “cantante per amore e per caso” di uno dei gruppi elettronici più interessanti e sperimentali a livello europeo.
L’interessante incontro con Massimo Zamboni, fondatore dei CCCP non ancora rimbambito come il socio GLF, e con l’ombroso Fausto Rossi.
Si parla anche di Gaznevada, Confusional Quartet, Diaframma, Neon, Dirty actions e di molti altri protagonisti di un epoca così vicina eppure così lontana, che ha aperto la stagione delle etichette indipendenti. Brava Livia, bel lavoro.

http://www.agenziax.it/gli-altri-ottanta/

Alberto Mossino, L’amore vero l’ha fatto solo con me, Arca

In ventisei racconti Alberto Mossino documenta alcuni episodi di cui è stato testimone lavorando tra le mura del Centro di Accolglienza Femminile per le vittime della tratta.
Sono vicende da commedia all’italiana, in cui i protagonisti principali sono la prostituta, il cliente che si innamora di lei, le forze dell’ordine ed eventualmente altri personaggi secondari (le famiglie dell’innamorato, gli sfruttatori etc etc).
Storie che fanno sorridere, ma che indagano da un punto di vista per me inedito (né sociologico, né moralitico) il mondo marginale e marginalizzato dei rapporti sessuali mercenari.
Copio e incollo dalla quarta di copertina che lo spiega meglio di come saprei farlo io “Particolarmente nuovo è lo sguardo sul cliente delle prostitute: scopriamo così i suoi innamoramenti, le sue viltà, i suoi conformismi, la sua avidità, il suo bisogno di affetto, la sua malattia”. Interessante, originale, ben scritto.

http://www.ibs.it/code/9788889485071/mossino-alberto/amore-vero-fatto.html

a cura di Sara Pavan, Il potere sovversivo della carta, Agenzia X

Il potere sovversivo della carta è un libro che promette bene fin dal titolo, citazione dell’elogio del “potenziale sovversivo della stampante domestica e della fotocopiatrice” di Sterling nell’introduzione a Mirrorshades. E se quest’ultimo ha dato vita alla letteratura cyberpunk, anche il libro curato da Sara Pavan è a suo modo un inizio: certo la nuova scena del fumetto italiano indipendente e autoprodotto non era mai stata trattata così in un unico volume. Per di più da una donna, disegnatrice lei stessa di fumetti e anima fondatrice del collettivo Ernest.
La scelta è quella di far parlare direttamente i protagonisti (da Baronciani a Zerocalcare), che attraverso le loro testimonianze svelano luoghi, aneddoti, progetti, circuiti, case editrici e festival del fumetto underground di oggi. Il tutto condito da attuali (e non banali) riflessioni sul rapporto tra il diy e il mainstream e tra carta e web. Il testo è ricco, stimolante, vivo e le notizie sono buone: anche se non siamo più negli anni Settanta, con le sue fanzine e riviste mitiche, il mondo del fumetto indipendente in Italia è in ottima forma, popolato di gente eclettica e capace, piena di idee, di voglia e di coraggio. E non c’è pericolo che si esaurisca perché, come dice Daniele Brolli nella postfazione “l’autoproduzione è un’infezione batterica, tipicamente giovanile e resiste agli antibiotici”.

http://www.agenziax.it/shop/index.php/il-potere-sovversivo-della-carta-cartaceo.html

Se vuoi che il tuo libro, disco, dvd sia recensito inviane una copia a:
Pablito c/o Agenzia X
via Ripamonti 13
20131 Milano