MilanoX

News & Eventi Eretici

Tweet storm

Loading...

Cultur(A)

Cultur(A) – Internos / Tracya / Le nevralgie costanti

| martedì 25 agosto 2015

defrag_rap-cover-e1435516417752

Internos, “Defrag/Rap”, Kaspar House, AV-K Prod, Cogwheel, Viande

Si può mettere insieme rap e musica d’avanguardia? A giudicare dal lavoro del duo Internos la risposta è sì.
L’incipit “Presso/Delete” fa collidere le ritmiche africane e gli stridori industrial di Kletus K. con il flusso di coscienza di A.rota.B.
“Avarie Mentali” incastra post techno apocalittica e flow in stile Zona Mc (anche se più lento!).
In “Servi dei sentimenti” i drums si frantumano, mentre la verbosità rap di A.rota.B. non dà tregua. E così via, nei cinque brani che seguono.
“Internos” è un tentativo di mettere insieme un rap “altro”, in cui la struttura intro, strofa, ritornello, etc va in pensione, sostituita da un immersione in un ambiente sonoro scuro, avvolgente, ossessivo, in cui le rime viaggiano libere, non condizionate dalle gabbie del pop.
Il sesto pezzo, “La Spirale”, realizzato in collaborazione con Mario Gabola, altro battitore libero della cultura elettroacustica campana, è un’apoteosi noise.
“Internos” è un disco molto interessante ma per nulla facile, che consiglio perciò a chi apprezza gli ultimi lavori di Uochi Toki. Se vi aspettate rime e basi facili e scontate (alla J.Ax o Fedez per intenderci) lasciate perdere.

Si ascolta, si scarica e si ordina su cd a questo indirizzo:
http://internos.bandcamp.com/

Tracya, “The abyss”, 51beats

Se gli Afterhours cantavano “Non si esce vivi dagli anni ottanta” Tracya nel suo album d’esordio “The Abyss” sembra invece dirci che non si esce vivi dai novanta.
La sua elettronica, lenta, tecnoide ma non dance, tocca le corde di chi ha apprezzato il suono della prima scena chillout/ambient/trance (particolarmente le prime uscite Warp).
È musica da autobahn mentale: il suono ovattato, i cassoni dritti e imperturbabili, il minimalismo e la ripetizione ipnotizzano come le righe delle corsie autostradali.
Se amate il genere apprezzerete di sicuro! É disponibile sia in digitale che su tape.

https://soundcloud.com/51beats/sets/51bts048-tracya-the-abyss

Le nevralgie costanti, “43 sintomi” , Blu gallery

Corpi o pezzi di corpi, in cui pelli squarciate da forze nascoste rendono visibili organi.
L’anatomia messa su carta da Mirko Rossi aka “Le nevralgie costanti” è post-umana: l’artista seziona coi suoi inchiostri, matite e acrilici organismi mutati, deformi, malati non si sa di quale strana malattia.
Inquietudine e disagio la fanno da padroni in questo piccolo ma stiloso catalogo edito da Blu Gallery in occasione della mostra dell’artista di Sanguinetto, che per potenza espressiva e orrorifica ricorda il milanese Akab.

Le tavole le trovate qua: http://www.blugallery.it/mostre/43-sintomi/3573

Per saperne di più sull’autore: http://lenevralgiecostanti.tumblr.com/

Per ordinare una copia del catalogo: nevre@tiscali.it

Se vuoi che il tuo disco o libro sia recensito invia una copia a:
pablito c/o agenzia x
via ripamonti 13
20136 milano