MilanoX

News & Eventi Eretici

Tweet storm

Loading...

Sub/Culture

Cenerentola contro lo squallore

| martedì 7 dicembre 2010

 

Forse le favole possono vincere la paura, la paura instillata come arsenico dalla televisione drogata di Vespa e della sua idea di informazione.

Una splendida favola, di suspense e cattiveria, che si conclude con un sogno evocato senza spiattellamenti e lacrime, e soprattutto senza vendetta. Cenerentola ha in parte formato la nostra idea di amore, di conflitto, di riscatto e di magia. Prime Time di Rai 1 stasera. Terzo tempo,  stacco pubblicitario: la voce cadaverica di Vespa sui volti ingigantiti di Yara e Sarah Scazzi, un messaggio che fa rabbrividire: “come difendere i nostri bambini?”.

Ecco la televisione italiana, ecco l’antropologia berlusconiana, che associa ai sogni paure, alle favole delitti, per terrorizzare, e lucrare sul terrore. Per tenere in gabbia chi da sguattera potrebbe farsi principessa, solo perchè ha paura di un assassino, di uno zio, di sé stessa forse.

Grazie Vespa per la dose quotidiana di merda che hai saputo gettare sull’equilibrio emotivo dell’Italia confusa di oggi. Grazie Vespa per riuscire ancora a incollerire chi come me farebbe volentieri a meno di televisione, se non fosse per un bambino piccolo cui vorrei insegnare a sognare, e ad avere paura di quelli come te, ad odiarli quelli come te.