MilanoX

News & Eventi Eretici

Tweet storm

Loading...

Milano XXX

Carne per Carne

by Rosario Gallardo | sabato 7 marzo 2015

Non ricordo come, ma a un certo punto veniamo contattati da un paio di ragazze di appena vent’anni. Ci scrivono che vorrebbero fare un video di me e Nicola che facciamo sesso per un loro esame universitario, che studiano in una università privata a Milano. Io e Nicola ci guardiamo negli occhi increduli, questo vuol dire essere coccolati dagli Dei, non decidiamo subito di accettare ma di certo siamo lusingati. Le incontriamo in un bar di fronte la loro università e ci beviamo assieme un’acqua minerale. Parliamo assai di cinema, di porno, della gente e di cosa loro volevano realizzare e del perché, poi raggiungiamo un accordo: noi incarneremo il loro film e una di loro sarà parte della nostra prossima performance. Carne per carne.
Fa caldo, andiamo in campagna, ospiti da Chiara, quella delle due che sarà in scena con noi sia per il loro clip sia per la nostra performance. E’ una bella ragazza di vent’anni, capello corto, tatuata, piercing discreti, la figura è androgina, è una creatura arborea. Invece Lara, che rimarrà sempre dietro l’obiettivo, è la copia vivente di Moana Pozzi e quando ride ti fa bagnare; potrebbe farci una fortuna con la sua immagine, ma è una brava studentessa di vent’anni e forse certe cose non le interessano. La sera mangiamo una buona quantità di cibo precotto, pollo scaldato e cocacola, conversiamo, ridiamo e andiamo a dormire. Noi siamo sistemati nel letto di Chiara che si è trasferita sul divano, la camera è un tripudio di vestiti e scarpe sparpagliati sul pavimento, la sua mamma lavora lontano e torna di rado, si vede. Le piegherei due panni, ma poi decido che non sarebbe carino, le sembrerei ancora più vecchia di quanto le mie tette cadenti non dichiarino. Del resto odio mettere in ordine e mi infilo nel letto con Nicola. Si, sento l’aria carica di tensione, scopiamo di brutto, so che di là ci sentono due ragazzine appena maggiorenni che il giorno dopo ci filmeranno scopare, probabilmente sarà anche la prima volta che vedono due scopare dal vivo, o almeno due persone così più adulte di loro, ma di certo è difficile che a due ventenni capiti di guardare due persone che stanno scopando proprio perché loro gliell’hanno chiesto. Quindi non sento affatto di imporre i miei gemiti notturni, anzi, sento di fare un regalo in più, un piccolo preludio gradito.
02
Al mattino ho l’impressione di vedere, nelle borse sotto i loro occhi, quelle masturbazioni che non si sono concesse durante la notte, ma forse è la mia fantasia. Due biscotti, un caffè terribile che Chiara aveva gentilmente comprato apposta per noi, e siamo in marcia nei boschi. La vegetazione è florida, splende il sole e all’ombra degli alberi le zanzare si addensano in formazioni mute e fitte come nuvolette di fumo. Ci piazziamo sotto un albero ai margini di una ampia radura, il fiume di fianco rinfresca l’aria e incita le zanzare alla vita e a spolparci. Abbandono gli abiti e inizio a familiarizzare con gli alberi, l’aria, gli insetti. Le ragazze discutono tra loro e pianificano il set, stendono il telo e iniziamo le riprese. Nicola è molto allegro, si spoglia e inizia a correre in tondo dicendo che è una bellissima farfalla, credo si senta tra il comico e l’arrapato. Ci danno delle indicazioni, un po’ improvvisiamo. A un certo punto lui si sta masturbando e vedo che la camera si avvicina e lo inquadra per benino, mi accorgo che mi sento gelosa, la situazione è particolare, siamo noi le prede e chi ci ha predato è quanto di più succulento si possa ambire. Facciamo l’amore, forse io vengo ma Nicola no, è troppo timido, è già molto sorpreso di aver avuto un’erezione e perfino duratura. Nonostante tutto ci sentiamo comunque in un tempio fatto di carta velina e stiamo attenti a non sgualcirla… anche se forse alle ragazze un po’ di sborra sgocciolata tra i colori avrebbe solo fatto piacere. Chiara saltella tra di noi con una maschera da coniglietta che le dona un sacco, ci sfiora, saltella ancora, fa finta di fare la settimana enigmistica sulla mia schiena mentre Nicola mi fotte a pecora… Insomma, ci divertiamo. Poi, mentre le ragazze ripongono l’attrezzatura, io e Nicola prendiamo la macchia per finire un po’ per i fatti nostri.
Nel giro di poche settimane Chiara è stata coinvolta nel nostro Blue Movie a Piano terra, penultima data della nostra prima performance. Poi ha partecipato all’Essere Umano Perfetto a Paratissima di Torino e al Centro d’Arte e Cultura Metzger. Dopo di che tra una cosa e l’altra ha deciso di andare in Giappone a mangiare sushi alla faccia mia. Ci manchi Chiara!

Ah, come andò l’esame? I docenti si lamentarono un pochino del fatto che stranamente le ragazze avevano scelto due soggetti così poco corrispondenti al immaginario pornografico. Cazzo normale, tette cadenti e troppi baci, e si, a scuola ci tengono proprio a dare una uniformità culturale, se uno fa il Porno deve fare Il Porno!
Ignoranti.
Andate a zappare.

03