MilanoX

News & Eventi Eretici

Tweet storm

Loading...

Bicicrazia

Bike Pride a Torino

| venerdì 1 giugno 2012

Il Bike Pride è la giornata dell’orgoglio pedalante. Che bisogno c’era di affermare l’orgoglio dei ciclisti, direte voi? Probabilmente nessuno, visto che il ciclista “afferma” già le sue gambe ogni volta che poggia il culo sul sellino. E allora tanto vale guardare il Bike Pride da una prospettiva più interessante, che è quella che rende questo appuntamento imperdibile, anche per voi milanesi, che sapete bene che Torino è dietro l’angolo, è molto più bella, verde e vivace della grigia Milano, e il 3 giugno sarà pure Pope-free. Un vantaggio non indifferente, ma pure un peccato… sarebbe stato bello vedere quello sciame a pedali che attraverserà Torino bloccare in un ingorgo pure la papa-mobile, con il crucco biancovestito a suonare il clacson, insultare ed inveire contro la peccaminosa libertà dei ciclisti, invece lo farà da un palco di Bresso, senza clacson e senza ciclisti.
I ciclisti, invece, se ne andranno a Torino dove anzichè pensare a salvare le anime pie si concentreranno più concretamente (papale-papale, verrebbe da dire) sul salvare se stessi; già perchè il Bike Pride 2012 fa uno scatto in avanti rispetto al passato: se le migliaia di persone che l’hanno animato negli anni scorsi sono lì a dimostrare l’esistenza di tanti ciclisti orgogliosi, quelle di quest’anno saranno sicuramente di più e saranno lì a chiedere risultati concreti, come quelli invocati dalla campagna #salvaiciclisti, di cui il Bike Pride rappresenta una nuova tappa.

Mobilità sostenibile, sicurezza stradale, qualità della vita e ridistribuzione degli spazi a favore della ciclo-pedonalità sono istanze che non possono più essere ignorate o sottovalutate. Richieste che negli ultimi mesi sono state riprese a livello nazionale e ribadite dalla campagna #salvaiciclisti. Per questa ragione, la terza edizione del Bike Pride sarà quest’anno la continuazione ideale della manifestazione che ha portato a Roma lo scorso 28 aprile più di 50.000 persone e vedrà l’arrivo a Torino di delegazioni di ciclisti urbani da tutta Italia“.
Lo ricordano esplicitamente gli organizzatori del Bike Pride nell’appello con cui è lanciato l’appuntamento. E i ciclisti arriveranno davvero da diversi angoli dello stivale, compreso chi è già in strada da giorni, partito da Roma alla volta di Torino per unire concretamente due tappe dello stesso percorso.

La parata torinese, lunga circa 9 km, parte alle 15 dal bellissimo Parco del Valentino. Gli ultimi treni utili (con trasporto bici) da Milano sono alle 11.15 e alle 12.15, e da Porta Nuova al Valentino non c’è neanche un km di strada. E pure la conclusione in Piazza Castello sarà a poche pedalate dalla stazione per il ritorno (le info complete stanno su bikepride.it). Insomma, l’occasione è ottima e a sbattimento zero, non preferirete mica stare chiusi in casa per paura del Papa?