MilanoX

News & Eventi Eretici

Tweet storm

Loading...

Mi Low Cost

Bar Archinto

| martedì 1 giugno 2010


*di Alex Foti*

Bar la Cantinetta

Piazza Archinto (Isola)

Da lun- sab 7:30-20:30
Chiuso la domenica

Tel 026081612

Di sicuro il segreto meglio custodito riguardo ai pubblici esercizi dell’Isola, questo bar senza pretese ma tanta umanità è ubicato nell’ultimo polmoncino verde rimasto all’Isola dopo che i crateri di Catella-Hines si sono mangiati la Stecca e i giardini di Confalonieri. Aperto dai primi anni ’90 originariamente nella metà dello spazio, il bar ha tavoli all’aperto di plastica mimetica ed è il miglior posto dove cominciare una serata d’estate in uno dei quartieri di Milano a più alta concentrazione giovanile, dove la classe creativa sempre più precarizzata resiste malgrado la distruzione di quasi tutti i suoi luoghi di aggregazione (prima Garigliano, poi la Stecca, quindi la compianta Pergola e per finire il Biko). Malgrado i disastri inflitti dalla speculazione (le strade offrono le migliori si fa per dire prospettive su Palazzo Lombardia, il castello dell’Innominato Formigoni), il quartiere mantiene la sua quota molto più che proporzionale di bar, ARCI, luoghi etnici, librerie, alt.fashion, ciclofficine.

Tornando alla Cantinetta, Luca (supportato dalla madre) anima con la sua personalità aperta e spigliata il crocevia umano di avventori nella piazza con giardinetti contro cui il Corriere aveva fatto una campagna di paura spinta, perché epicentro di spaccio e degrado. Dai balconi arabi calano sacchetti. Motorini con accento napoletano e calabrese sfrecciano fra i tavoli. Bambini giocano a palla nelle esangui aiuole, non fosse per i due fiorenti giardinetti curati dal guerrilla gardener che fa base da qualche anno nella ciclofficina di via DeCastilla. E allora che figata sedersi al tavolo o sulla panchina con una Moretti in mano a 3 euro. La pausa pranzo costa 10 euro per primo secondo contorno. Insomma diamoci un puntello in Archinto, birriamoci e a tutta birra poi quando la fame aggredisce noi facciamo un salto all’Osteria dei Vecchi Sapori, la seconda con la reincarnazione del Buddha, vicino all’entrata del Passante in via Pepe.