MilanoX

News & Eventi Eretici

Tweet storm

Loading...

(A)ntimuzak

Antimuzak – rubrica a cura di Pablito el drito

| lunedì 31 marzo 2014

sostanze

AA. VV. , The 50th release, Sostanze records

Per festeggiare la sua cinquantesima uscita Sostanze records ha stampato un vinile 12 pollici.
L’incipit è affidato ad Alexis Storm, che apre le danze con un bel brano electrotech zoppo, scuro e monocromo. Si prosegue con “Acid Blasty” di BeBop, che ha un feeelig easy e plasticoso, più club che rave.
BXP con “All you need is rave” si conferma più old school che mai, al pari di “Digital way”, che con la sua malinconica “No way” chiude in maniera convincente il lato A del vinile.
Flux con “No law” ricerca la sua via al dancefloor mutante frullando simpaticamente bassmusic, electro e reggaeton, mentre Jerry Kalashnikov sfotte i dusbsteppari-rastafari (e lo fa con molta ironia in “Garelli Hippiecide”).
Per fortuna quell’irriverente ragazzaccio di djBalli chiude con stile con la sua “Mangia, mangia, mangia”, brano electro brutto, sporco e cattivo infarcito di samples tratti da “Salò, le 120 giornate di Sodoma” di Pasolini. Il disco si scarica in digitale, ma c’è anche in vinile in edizione limitata, una vera chicca per i collezionisti.

http://www.ptwschool.com/blog/sostanze-records-the-50th-release-xxxclusive-premiere.html

MileSound Bass, Post mortem atto I, Forevergreen Ltd

MileSound bass, venuto su a hip hop e dubstep, stavolta dice no ai wobble e al two step imperanti nei suoi lavori precedenti per lanciarsi nell’esplorazione di un’estetica decisamente più retro.
Suono analogico, essenziale e aereo, spezzato da batterie sincopate di derivazione funk sono infatti la cifra distintiva di questa sinfonia in tre atti (ispirata dal Goldie dei tempi di “Timeless”) a cavallo tra jungle ambientale e idm.
Le atmosfere, meno soul che nel lavoro del boss di Metalheads e più vicine a quelle di alcuni suoi contemporanei (Orbital e T-power in primis), sono riattualizzate fino ad ottenere una nuova interessante sintesi, più minimale, in cui il suono viaggia e la mente dell’ascoltatore insieme ad esso.
Dopo anni di incartamenti dubstep, postdubstep, post2step, post-tutto, anche un ritorno al passato, limpido, con citazioni esplicite come in questo caso, suona come una ventata d’aria fresca.

http://www.junodownload.com/products/milesound-bass-post-mortem-atto-i/2413640-02/

Se volete che i vostri vinili, cd, libri, fumetti e tricchetracche siano recensiti inviatene una copia a:

Pablito c/o Agenzia X
Via Ripamonti 13
20136 Milano