MilanoX

News & Eventi Eretici

Tweet storm

Loading...

(A)ntimuzak

Antimuzak di Pablito el drito

| lunedì 18 luglio 2011

The three blind mice – The three blind mice

Anche se (probabilmente) prendono il nome da una celebre ninnananna inglese, non solo The three blind mice sono milanesi (Manuale Scalia, voce del gruppo, lo si vede spesso in Isola) ma a dirla tutta sono pure in quattro.
In questo loro primo album con 5 pezzi (bella la grafica del vinile in tiratura limitata 500 copie!) c’è molta nostalgia per i tempi passati, ma senza dubbio anche tanto stile.
Il suono spazia tra il rock primordiale e cupo e le fumose e melanconiche atmosfere blues, tipo quelle immortalate nei film di David Lynch.
Notevole “Three pottery girls”, un lento di quelli che una volta ascoltato fai fatica a levarti dalla testa.
Anche l’altro lento che chiude l’lp, “Where to end”, è essenziale e mi piace molto proprio per la sua disarmante semplicità.
Spero che in futuro The three blind mice abbiano più possibilità di suonare dalla nostre parti, se no per sentirli dal vivo ci toccherà inseguirli in giro per l’Europa, dove (non si capisce bene perchè) suonano e sono apprezzati più che qui.
Non so se avete capito, io comincio a mal tollerare l’esterofilia dilagante !!!
Dopotutto qui siamo a Milano, Texas!
Bang bang 😀

http://www.myspace.com/thethreeblindmice_milano

AA.VV. Micromusic 4 Japan –

Questa più che un recensione, è una specie di pubblicità progresso.
Infatti non è mia abitudine recensire i dischi che produco o a cui in qualche modo partecipo, però questa volta farò un’eccezione perchè si tratta di una compilazione benefit per le vittime di Fukushima.
Nata dalla collaborazione di ben 15 artisti italiani (Micropupazzo, Chipki, Cobolo Pongide, Mat54, Pablito el drito, MaxFarnea, Dj Minaccia, Stupidboy, Fabiorosho, Frash, Buskerdroid, RuBRK, Kenobit, Arottenbit eRìTonylight) e di 3 diverse etichette (rexistenz, to lose la track e coucou) è un lavoro fatto per aiutare i fratelli giapponesi in difficoltà e per dire no al nucleare.
La compila si scarica liberamente, ma gli artisti e le etichette coinvolte nell’operazione suggeriscono di versare un piccolo contributo all croce rossa giapponese per aiutare le vittime dello tsunami e della successiva fuga radioattiva di questa primavera.

Qui c’è il link con le istruzioni per scaricare e donare:

http://www.archive.org/details/MicromusicCoucou16-VaItalianMicromusic4Japan