MilanoX

News & Eventi Eretici

Tweet storm

Loading...

Generazione (A)

Anonymous: #Opnessundorma e la Privacy Negata da Decine di Aziende

| mercoledì 13 aprile 2016

5UsrrCk

Anonymus Italia e LulzSecITA hanno annunciato di essere entrati in possesso di milioni di dati sensibili contenuti nei database di oltre quaranta società legate al lavoro interinale. L’operazione si chiama NessunDorma e ha l’obbiettivo di denunciare il business sulla pelle di chi cerca lavoro. I risultati della prima fase dell’operazione sono stati pubblicati il 9 aprile, sul blog dei cyber-attivisti. Sono milioni i dati prelevati. “E’ incontestabile che questa operazione abbia messo alla luce delle situazioni gravissime dal punto di vista della legge sulla privacy.” ci hanno raccontato gli attivsiti. Una colossale incapacità di difendere i dati sensibili, e quindi la privacy. I portali colpiti sono stati definiti “vulnerabili” e così facilmente attaccabili. Secondo gli attivisti digitali le aziende “non hanno adempiuto alle prescrizioni volute dalla legge sulla privacy”. Non hanno protetto la privacy e non hanno avvisato i lavoratori della violazione.

L’obiettivo primario di NessunDorma è “mettere in luce i casi di evidente parassitismo in stile tipicamente italiano, che ormai è stato acquisito come parte integrante della vita sociale di tutti i giorni tanto da passare inosservato e sottaciuto.

Per ora le società Italiane “visitate” dagli attivisti digitali hanno deciso il silenzioso stampa. A differenza di AITI e altre aziende del Canton Ticino, che han minimizzato l’accaduto. OpenJob ha risposto che non intende rilasciare dichiarazioni in merito, per esempio.

Gli Anonymous assieme a LulzSecITA non si sono così solo impossessati di tantissimi dati personali. Hanno verificato la facilità con cui si potrebbero acquisire 6milioni di profili utenti e . hanno “defacciato”, ovvero modificare la home page, di Maw e OpenJob. La prima per 48 e la seconda per 72 ore.

Sono i dati personali di chi, milioni di persone, si rivolge alle aziende di intermediazione lavorativa ad essere fuori dalle norme legislative in materia di privacy.A far loro compagnia sono stati anche “innumerevoli documenti interni alle agenzie” stesse. Ad ora non è dato sapere se è proprio in mezzo ai documenti trovati che gli Anonymous hanno tratto le informazioni per risponderci ad una domanda sul rapporto tra politica, sindacati e aziende, che “Basterebbe approfondire ad esempio, quali sono le “frequentazioni” politiche dei proprietari della  Archimede Spa. Il più recente job act che ha introdotto il “fondo garanzia giovani” per poter avere la possibilità di mettere le mani sui fondi europei, a chi giova se non alla politica? Tanto per rimanere in tema, ad esempio, la workforceonline.it ci pare di capire che sia di proprietà dell’on.le Eugenio Filograna, l’unico peraltro a metterci nome e faccia.” Per onore di cronaca possiamo dire che il nome di Filograna appare ben visibile sul sito workforceonline Non ci è dato nemmeno sapere se in quei documenti si trovano le prove delle speculazioni economiche che portano a pagare 5 euro all’ora un facchino. L’operazione NessunDorma è approdata solo alla prima fase. E continuerà a detta di LulzSecITA e Anonymous Italia. La violazione delle leggi sulla privacy è il dato che emerge dallo studio di 44 aziende, 37 italiane e 7 no. Il comunicato rilasciato dagli attivisti digitale trova il tempo per raccontare le trasformazioni del mondo del lavoro negli ultimi anni. Ci dicono che “Si premette, per amor di verità, che qui verranno esposte una serie di superflue banalità, già ampiamente conosciute e dibattute. Ciò non di meno esortiamo l’attento lettore, a procedere oltre senza indugio, augurandoci che a fine lettura abbia a trarne gradito vantaggio. “ https://share.cyberguerrilla.info/?3263d9dcba87924c#nxVUhZU/s/diAc9ZJ1v+cjkH1F+oT3K+iiljOHLLT+0= Dietro la formula manzoniana di introduzione al lungo documento che potrete trovare al link sopracitato si nasconde qualcosa di più di semplici banalità.