MilanoX

News & Eventi Eretici

Tweet storm

Loading...

(A)ntimuzak

Antimuzak: Dogma / 1804

pablo | lunedì 19 giugno 2017

Aa.Vv. “dogma” (analogic density)

Lowfreq77 (a1) apre le danze con un’acidata da notte profonda in cui i filtri del bassline portano i neuroni sulle montagne russe. Un traccione analog anni novanta da capannone, scuro, progressivo. Sour (a2) rallenta il beat, alleggerisce la cassa, ci infila in una macchina del tempo portandoci indietro di un altro quinquennio, alla prime acid trax fine anni ottanta. Il brano di Roberto Figus (a3) sconfina dall’ambito acid per arrivare in un contesto decisamente ambient-techno.

Polygirl (b1) rompe la gabbia della cassa dritta e confeziona un brano esoterico e circolare, il più ganzo del vinile. Labarome (b2) chiude la compila in bellezza, con un brano techno-progressive dal sapore amaro e metallico.

https://analogicdensity.bandcamp.com/album/dogma

Lowfreq77, “1804” (Summa cum Laude)

Lo dicevo tempo fa che la techno, quella con il CH, che ha ammorbato la mia generazione, avrebbe avuto una rinascita anche nel nostro paese.

E dischi come questo confermano le mie previsioni: sequenze semplici, costruite con sovrapposizoni di pochi pattern, pochissimi suoni (rigorosamente analogici), arrangiamento scarno se non quasi assente, sono la cifra del nuovo lavoro di Lowfreq, masterizzato da Matt Colton e pubblicato da Summa cum Laude.

Due tracce solide, ossessive, da mix selvaggio: a1 è più chiara e ritmica (in stile Emmanuel Top), in b1 i bassline gorgogliano e ribollono nei sub (mi viene in mente Misjah, ma in versione analogica).

Una chicca per i raver old schhol appassionati di vinile.