MilanoX

News & Eventi Eretici

Tweet storm

Loading...

Generazione (A)

#14N – Sciopero Generale Europeo: Studenti in Piazza a Milano

| sabato 10 novembre 2012

Mercoledì 14 novembre, alle 9:30 da Piazza Cairoli tutti i Collettivi Studenteschi di Milano sia quelli legati a ZAM-Lambretta sia quelli legati al Cantiere (evviva l’unità a sinistra! a Milano c’è nei movimenti ma non nella politica ufficiale sempre più astrusa) scenderanno in piazza per l’eurostrike, in contemporanea con tutte le città d’Europa. Ecco uno degli appelli che girano in questi giorni:

“Il 14 Novembre scenderemo in piazza, per ribadire la nostra contrarietà alle misure di austerity imposte dall’Unione Europea. Ormai in maniera esplicita la finanza, nella figura della troika, impone ai governi misure volte a distruggere lo stato sociale, per far fronte a una crisi nata in casa di banche ed agenzie di rating.

Ancora una volta, nel nostro paese, uno dei settori nel quale si sta andando a tagliare maggiormente è la scuola pubblica, che anziché essere tutelata quale pilastro fondamentale di ogni società democratica, vien considerata una pesante zavorra di cui doversi liberare.

In Italia, a causa della riduzione delle spese effettuata dal governo dei “non eletti”, da un lato verranno tagliati più di un miliardo di euro di finanziamenti alla scuola pubblica, dall’ altro verranno invece mantenuti i finanziamenti alle scuole private. Inoltre dall’anno prossimo a causa della legge Aprea ci sarà una notevole diminuzione della libertà d’insegnamento e della libertà personale di ogni studente.

Siam studenti, precari, siamo la generazione senza futuro, la generazione a cui hanno rubato tutti i diritti e che stanno cercando di convincere che solo attraverso il lavoro sotto pagato possiamo riscattarci dalla colpa dei nostri padri che godevano di uno stato sociale troppo elevato. Sappiamo che non è così, che i grossi debiti sono stai contratti dalle grosse agenzie finanziarie che per anni si sono alimentate di soldi virtuali, e che erano destinate a scoppiare. L’abbiamo già urlato a gran voce a Francoforte durante le giornate di maggio con Blockupy Frankfurt e siamo pronti a ripeterlo nelle giornate dell’assedio al Consiglio Europeo nel marzo 2013 a Bruxelles.

Perché la crisi che stiamo vivendo riguarda tutta l’Europa e per questo il 14 Novembre scenderemo in piazza contemporaneamente in tutte le città dell’UE per il primo sciopero generale europeo, perché contro una finanza centralizzata occorre una risposta unitaria, che sappia travalicare i limiti nazionali.

In questo contesto, appare troppo timido lo sciopero di sole 4 ore lanciato dalla CGIL ancora attenta a mantenere arcani equilibri invece di organizzare le lotte che ormai quotidianamente nascono spontanee nei posti di lavoro.

Andremo a far visita alle banche, reali artefici della crisi, e entreremo nei palazzi del potere europeo a ribadire che non accetteremo le loro misure di austerity.

Noi non paghiamo la vostra crisi.

NON SIAMO IN DEBITO: WE WON’T PAY FOR YOUR CRISIS